Form di ricerca

Benvenuti ad Ancona a passare il capodanno. Benvenuti in questa magnifica città, capoluogo delle Marche, per trascorrere vacanze serene e, perché no, un capodanno tranquillo e diverso che non vi scorderete facilmente. Benvenuti ad Ancona dove il paesaggio magnifico delle colline si sposa con l’azzurro del mare e dove il promontorio del Conero, come uno scoglio fatato, sembra trafiggere l’orizzonte, mentre le barche da pesca tornano in porto, regalando l’illusione della pace...
Capodanno ad Ancona significa avere tutto il meglio che può offrire la provincia, ristoranti e localini alla moda, ed avere anche nel naso il profumo del mare e nelle orecchie il dolce rumore dello sciabordio delle onde. Che ne direste, dopo il cenone e la serata danzante, di fare una bella passeggiata in riva al mare adriatico  per godere del silenzio notturno del cielo marchigiano? E’ un’ottima alternativa alla solita serata passata a tirar tardi da un locale all’altro, tra un bicchiere di spumante e un prosecco. Soprattutto se si è innamorati e se si vuole sentire l’armonia del creato nel cuore, con il proprio partner vicino vicino, proprio durante la magica notte di capodanno che si porta via il passato regalando un futuro radioso. Capodanno ad Ancora significa anche approfittare dell’occasione unica per scoprire una regione magnifica e timida, le Merche appunto, una regione che offre itinerari incantevoli tra colline, pievi, castelli. Fate una puntata ad Ascoli Piceno, ad esempio, per ammirare le molte piazze bianche. Magnifica è anche Treja, dove visse bambina una delle più grandi scrittrici del Novecento, Dolores Prato. A Recanati, cercate le tracce del grande poeta Giacomo Leopardi,  che protestava, rinchiuso quaggiù da suo padre, per l’isolamento del suo “natio borgo selvaggio”. A Loreto, invece, visitate la casa della Madonna. La tradizione popolare vuole che siano stati gli angeli a portare quaggiù l’umile casetta della Vergine, volando su paesi e nazioni.


Capodanno Medievale Leggenda, Meraviglia & Mistero con Giallo a Corte

Spade, mantelli, cavalli, falchi, torri e bastioni,…tutti simboli medievali che prenderanno vita per farti ripercorrere momenti dell’antico passato, per questo Capodanno 2011 a ritroso nel tempo....Il tutto nella cornice del magnifico borgo di Corinaldo!
Nel Medio Evo che ti attende, si mescolano storia, leggenda e anche favola. Avvenimenti, forse, frutto di invenzione popolare, tramandati da generazioni e colorati con personaggi fantastici.